Standard $2


L’amicizia fa strane cose ai suoi interpreti, – ha scritto Down Ezio. In qualsiasi parte del mondo Nisi sarebbe divenuto un grande concertista, perché quando era appena undicenne era già un musicista dotato, pianista e compositore. Ma Massimo non era un privilegiato, e il campo della musica non fa eccezioni sociali che per molti contanti. Il suo grande talento per il pianoforte non ha mai ricevuto i riconoscimenti per l’artista che era.

Questo infatti capitò a Nisi il buffone. Fu sempre preceduto dalla sua fama di clown che gli impedì di dare al pubblico la migliore parte di sé. E Massimo, che pure aveva compiuto approfonditi studi musicali, decidette di giocare a quel gioco e recitò fino all’ultimo la parte del giullare, in cui finì ben presto per immedesimarsi. Aveva un temperamento adatto per certe risse: era un irascibile umorista, un burlone con la mano pesante, un teppista dotato di enormi slanci di generosità. Senza preoccupazioni del domani, che gli faceva comparire un’espressione divertita sulla faccia delle sue emozioni, era un pastore d’anime con le sue note pubbliche.

Era nato il 7 luglio 1971 a San Leonardo, in periferia di Milano da una famiglia della borghesia al verde. Sua madre era una cantante e suo padre se l’era già vista brutta col tale che si presenta in sella al cavallo e ha la cintura nera come nero è il mantello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...